giovedì 24 giugno 2010

Ghost in the Shell

2029. Motoko Kusanagi è un'agente della 'Sezione 9', l'unità di pubblica sicurezza che indaga sui crimini tecnologici e informatici. La stessa Motoko è un cyborg: ha sostituito numerose parti del suo corpo con impianti elettronici e vive per questo una profonda crisi d'identità.
Ambientato nel XXI secolo Ghost in the Shell è un thriller poliziesco fantascientifico che segue le vicende dell'agente Motoko Kusanagi e della Sezione di Sicurezza Pubblica numero 9 (公安9課, Kōan Kyūka?), conosciuta più semplicemente come "Sezione 9". L'unità in questione è specializzata nella risoluzione di casi e di crimini in relazione all'informatica e alla tecnologia. Nell'universo di Gits l'ingegneria robotica e le nano macchine (anche dette Micromachine) sono la normalità, e la gran parte degli uomini sono collegati alla rete, a cui possono accedere non soltanto mediante terminali fisici, ma soprattutto attraverso impianti situati nel loro stesso cervello. I cyber-cervelli per l'appunto permettono non solo di connettersi al Web, ma anche di utilizzare la propria memoria con la stessa elasticità di quella di un computer, cancellando eventi, sovrascrivendoli, o addirittura immagazzinando libri con estrema facilità. Diversi uomini sono diventati cyborg, ovvero esseri in parte organici in parte robotici. Quello che differenzia un cyborg integrale da un robot è la presenza di un cervello umano e di un ghost, ovvero dell'anima, qualcosa di intrinseco e inspiegabile che permette agli uomini di "sentire" sensazioni particolari. Il Ghost è l'istinto non mediato dai calcoli. Lo sviluppo dell'intelligenza artificiale ed un'onnipresente rete computerizzata sono il palcoscenico per la rivoluzione dell'identità umana e della unicità di sé stessi. In particolare il manga affronta direttamente queste problematiche: Kusanagi ed i suoi colleghi devono affrontare minacce esterne così come soffrire conflitti interni dovuti alle loro proprie nature.
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gelati!


Molto spesso i nutrizionisti dicono che il gelato è un buon sostituto di un pasto. Il gelato costituisce un alimento completo in quanto contiene proteine e vitamine giuste per l'organismo; bisogna sfatare il mito che il gelato alla frutta è meno calorico del gelato alla crema, è meglio dire che c'è una piccola differenza di calorie tra quello alla frutta a quello alla crema. Il gelato alla soia non si differenzia dal gelato normale, il gelato alla soia viene prodotto per chi vuole variare, per chi ha fatto scelte etiche di non mangiare nulla che sia di derivazione animale, per chi ha allergie ed intolleranze alimentari.
I sorbetti sono ottimi rimedi per contribuire alla digestione, ma è meglio prendere solo un bicchierino senza abusarne altrimenti si hanno effetti indesiderati e contrari.

lunedì 21 giugno 2010

Dolce cremoso al cioccolato fondente, srlup!

Ingredienti per quattro persone:
  • 500 ml di latte
  • 2 tuorli d'uovo
  • 175 gr di cioccolato fondente grattugiato
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 100 ml di panna fresca
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo 
Preparazione:
Fate scaldare il latte in un piccolo pentolino a fiamma bassa. Mentre aspettate prendete una casseruola, mescolate la farina settaciata e lo zucchero, con una frusta sbattete aggiungendo a filo il latte caldo, state attenti a che non si formino grumi.
Portate la casseruola sul fuoco a fiamma bassa, mescolate facendo attenzione oltre ai grumi anche a non raggiungere il bollore, quando vedete che si sta addensando togliete dal fuoco.
Aggiungete i rossi d'uovo, poi 100 gr di cioccolato grattuggiato e rimettete sul fuoco, con un cucchiaio di legno mescolate sempre con la fiamma bassa fino a quando appaiano delle bolle.
Spegnere il fuoco e versare il budino in una terrina e mettetelo a raffreddare in frigo. Una volta tolta dal frigo, togliete la pellicola che si è formata sulla superficie; setacciare il budino con l'aiuto di un cucchiaio e di un colino.
Con la panna fredda invece, montatela e incorporate metà budino e 50 gr di cioccolato, rovesciate la crema in coppette individuali e decoratele con la panna avanzata ed il cioccolato fondente rimasto.

Rose in torta

Ingredienti per sei coperti:
  • 315 gr di farina "00"
  • 1 cucchiaino e mezzo di lievito di birra
  • 90 gr di burro
  • 1,5 dl di latte
  • 0,5 dl di caffè forte
  • 120 gr di zucchero di canna
  • 1 cm di radice di zenzero tritato, oppure un cucchiaino in polvere, in alternativa al posto dello zenzero un cucchiaino di canna in polvere 
Preparazione:
Prendete già una tortiera di dimensioni da 20 cm di diametro, a parte in un pentolino mettete 30 gr di burro a temperatura ambiente con 60 gr di zucchero e, fate scaldare a fuoco basso finchè gli ingredienti saranno sciolti, poi aggiungete lo zenzero tritato, infine versare il contenuto nella tortiera.
Per l'impasto invece setcciate la farina, il lievito e 30 gr di burro, mescolate bene. Fate scaldare un po' il latte con il caffè e versateli nella farina, mescolare per ottenere un impasto omogeneo.
Deve essere liscio ed elastico, quindi lavorate l'impasto in un piano ben infarinato, copritelo con uno strofinaccio e lasciatelo lievitare per circa 2 ore nel forno spento con un mezzo bicchiere d'acqua a fianco.
Ritirate l'impasto per lavorarlo ancora per altri 2-3 minuti e stendetelo a mattarello per ottenere una sfoglia di cm 32x25 circa. A parte fate sciogliere il burro avanzato e spennellatelo sulla pasta e cospargetela poi con lo zucchero sempre avanzato da prima.
Fatto ciò arrotolate la pasta partendo dal lato corto, poi tagliate il rotolo formato in 8 rose uguali e adagiatele nella tortiera in verticale una vicina all'altra. Coprirla ancora con lo strofinaccio e lasciate lievitare per 40 minuti. Preriscaldare il forno a 200°C , passato il tempo di lievitura passare in forno la torta e lasciarla cuocere per 25 minuti finchè sarà ben dorata.

Crociera col bonton


Era abitudine quando si andava in crociera, che la prima sera, non ci si cambiasse per andare a cena, ma che ci si vestisse da giorno.
E' stato così fino agli anni '80, però era una bella abitudine, anche se la si mantenesse che problema c'è? D'accordo ognuno fa quello che vuole, ma avere delle nozioni di galateo, non fa male anzi si rischia di avere complimenti e apprezzamenti, oltre all'invidia dei buzzurri.

domenica 20 giugno 2010

Toshiba porta 128 GB sugli smartphone

toshiba_logoIl colosso giapponese ha annunciato un modulo di memoria flash da 128 GB adatto all'integrazione sugli smartphone e altri device mobili. Roma - Toshiba ha annunciato la realizzazione di un modulo di memoria flash da 128 GB dedicato ai dispositivi mobili e, in modo particolare, agli smartphone di nuova generazione. Ad oggi tale dispositivo è il modulo flash embedded più capiente che sia mai stato annunciato.Prodotto con una tecnologia a 32 nanometri e sottile appena un millimetro e mezzo, il modulo di Toshiba integra sedici chip NAND da 64 Gbit (8 GB) e un controller in uno spazio all'incirca uguale a quello di una miniSD.Toshiba afferma che i dispositivi mobili che monteranno questo modulo potranno archiviare qualcosa come l'equivalente di 2200 ore di musica in alta qualità, oltre 16 ore di video Full HD e quasi 40 ore di video in definizione standard. Toshiba dovrebbe consegnare i primi campioni agli OEM il prossimo settembre, e iniziare la produzione in volumi del suo modulo nel tardo autunno. Ciò significa che i primi dispositivi ad integrarlo dovrebbero arrivare sul mercato nella prima metà del 2011. Nello stesso periodo il produttore giapponese lancerà anche una versione del prodotto da 64 GB.
Fonte: Il punto informatico

Google Googles

L’ultima trovata di Google si chiama Google Goggles. Google Goggles è un’applicazione mobile che per ora è disponibile solo per Android (in futuro sarà resa disponibile anche per iPhone e altri device) che consente di fare ricerche sul web attraverso una semplice foto che viene scattata dalla fotocamera del telefonino. Una volta fatta la fotografia ad un monumento, un libro, un’opera d’arte, e via discorrendo, l’applicazione restituirà le informazioni sull’oggetto fotografato.

Google Goggles

Io l’ho provato sul mio Xperia X10 fotografando un libro e devo dire che funziona correttamente. Google Goggles ti consente di eseguire ricerche su Google utilizzando le foto scattate con cellulari dotati di fotocamera. Utilizziamo come input un'immagine e, impiegando diversi sistemi backend di riconoscimento delle immagini (riconoscimento degli oggetti, abbinamento dei luoghi, OCR e così via), restituiamo i risultati di ricerca pertinenti.

sabato 19 giugno 2010

Android, ovvero, il sistema operativo libero per cellulari

Visto che sono alle prese con l'Experia X10 di SonyEricsson, cominciamo a fare luce partendo proprio dal suo sistema operativo. Parlo di Android, ovviamente.
Android è un sistema operativo open source per dispositivi mobili, basato sul sistema operativo Linux. Fu inizialmente sviluppato da Android Inc., startup acquisita nel 2005 da Google. I co-fondatori di Android Inc., Andy Rubin (a sua volta co-fondatore di Danger),Rich Miner (co-fondatore di Wildfire Communications, Inc.),Nick Sears (vice presidente di T-Mobile),e Chris White (principale autore dell'interfaccia grafica di WebTV), iniziarono a lavorare per Google e svilupparono una piattaforma basata sul Kernel Linux. Il 5 novembre 2007 l'Open Handset Alliance presentò Android, costruito sulla versione 2.6 del Kernel Linux.
La piattaforma è basata sul kernel Linux, usa il database SQLite, la libreria dedicata SGL per la grafica bidimensionale e supporta lo standard OpenGL ES 2.0 per la grafica tridimensionale. Le applicazionivengono eseguite tramite la Dalvik virtual machine, una Java virtual machine adattata per l'uso

Sony ericsson Xperia X10

In quest'ultimo periodo sono alle prese con la versione white dell'Experia X10 di Sonyericsson, uno smartphone di fascia alta che sulla carta promette prestazioni di tutto rilievo.
In effetti, leggendo le caratteristiche tecniche prese dal sito ufficiale della casa madre, si notano soprattutto la notevole capacità di calcolo e lo strabiliante schermo da ben 4" con risoluzione di 480x854 pix.
Per ora il test procede bene ma non mancherò di postare altri risultati.
Queste sono le caratteristiche tecniche:
Sistema operativo:  Android 1.6
Display: TFT a 65.536 colori
Touchscreen completo da 4", 480 x 854 pixel
Display resistente ai graffi
Memoria:Phone memory 1GB, Slot microSD fino a 16GB, 8GB inclusa
Fotocamera: 8.1 Megapixel, Zoom digitale fino a 16x
Autofocus,

giovedì 17 giugno 2010

L'Idiota

Autore: Fedor Michajlovic Dostoevskij
Titolo: L'idiota
Introduzione di Mauro Martini Edizione Integrale
Editore: Biblioteca Economica Newton
Euro 6,00
Trama:
L'idiota, ha notato Vittorio Strada, è il "più fantastico e uno dei più originali romanzi dostoevskiani".
In un'umida giornata novembrina arriva a Pietroburgo il principe Lev Nickolaevic Myskin. Egli è venuto a proclamare la sua verità da "idiota", che soverte le tradizionali contrapposizioni tra Bene e Male, tra Amore e Odio e afferma una sua nuova Legge: quella della compassione e dell'accettazione del prossimo. ma a questa verità tutti si ribellano; a respingerla è soprattutto Nastas'ja Filippovna, donna bellissima e consapevolmente perduta che rifiuta di farsi salvare dal principe e non si sottrae al suo tragico destino, quello di finir vittima del passionale mercante Rogozi. Opera in cui massimamente si trasfondono la visione dostoevskiana del mondo e un profondo sentimento religioso(tanto che nel principe Myskin è stata adombrata la figura di Cristo), L'idiota, definito da Thomas Mann "il romanzo dell'anima", resta tuttora una lettura irrinunciabile e una pietra miliare della letteratura.

So quel che fai

Autore: Giacocomo Rizzolatti-Corrado Sinigaglia
Titolo: So quel che fai
Sottotitolo: Il cervello che agisce e i neuroni specchio
Editore: Raffaello Cortina Editore
Costo: 21,00 euro
Scienza e idee Collana diretta da Giulio Giorello
L'entusiamo con cui è scritto questo libro, invita a pensieri positivi e stimola a proseguire la lettura fino alla fine, soprattutto per chi non ha la più pallida idea degli studi che ci sono per questo campo. Una lettura curiosa e illuminante.



Linzer torte

Torta di mandorle speziata
Per 1 forma (28 cm)
Ingredienti per la pasta:
300 g di burro
300 g di zucchero
1 pizzico di sale
1 presa di scorza di limone grattugiata
1 bustina di zucchero vanigliato
3 uova
1/2 c di cannella in polvere
1 presa di chiodi di garofano in polvere
1 cuc. di rum
400 g di farina settaciata
250 g di mandorle o nocciole grattugiate finemente
1 bustina di lievito in polvere
Per il ripieno
250 g di marmellata di mirtilli rossi oppure marmellata di ribes
Extra
burro per ungere la forma
farina per cospargere la forma
1 uovo per spennellare
zucchero a velo per spolverare
Preparazione:
Mescolare il burro ammorbidito a temperatura ambiente con lo zucchero, il sale, la scorza di limone e lo zucchero vanigliato(servirsi di una frusta o di una macchina per impastare).
-Aggiungere un poco alla volta le uova e gli aromi(cannella, chiodi di garofano in polvere, rum).
- Mescolare la farina, le mandorle ed il lievito in polvere ed unire il composto al resto.
-Far riposare la massa per 1/2 ora.
-Scaldare il forno a 180°C.
-Imburrare una tortiera e cospargerla di farina.
-Versare due terzi della pasta nella tortiera, spianare la superficie con una spatola, deporre un denso strato di marmellata di mirtilli rossi(avendo cura di lasciare lo spazio della larghezza di un dito al bordo).
-Inserire il resto della pasta in un sac à poche(con una bocchetta liscia n°5), spremerlo a grata sulla superficie della torta e lungo il bordo della forma.
-Spennellare con l'uovo.
-Cuocere la torta nel forno preriscaldato, farla raffreddare, liberarla dalla forma e spolverarla di zucchero a velo.
Temperatura di cottura: 180°C
Tempo di cottura: 40 minuti
La torta è più gustosa il giorno dopo.

Ricetta suggerita da Eleonora P.

lunedì 7 giugno 2010

La scuola degli ingredienti segreti


Autore: Erica Bauermeister
Tipo: Romanzo
Sottotitolo: Amicizie, amori, promesse. Una scuola di cucina un po' speciale. La ricetta segreta della felicità.
Editore: Garzanti

Costo: 17.50 euro
Trama: La protagonista è Lillian, chef e proprietaria di un ristorante tradizionale, inoltre tiene dei corsi di cucina per principianti. Svela la sua storia attraverso le esperienze dei suoi allievi-clienti, e in contemporanea fa capire i caratteri delle persone creando situazioni piacevoli di modo che codesti risolvano i propri problemi di vita, trovando la strada della felicità.

Nella mente degli animali

Autore: Danilo Mainardi
Prefazione: Piero Angela
Editore: Cairoeditore
Costo:16 euro

Trama: Affascinante scoprire cosa pensano gli animali, Impossibile saperlo? No, è la cosa più semplice e naturale del mondo, basta guardare e utilizzare il cuore, in ogni aspetto.
L'autore, grandioso, attraverso storie e disegni spiega e orienta il lettore sul come comprendere gli animali. Leggendo si riesce a trovare soluzioni sopratutto per l'essere umano, e si impara quanto belli e meravigliosi siano gli animali ed a rispettarli senza causare danni e vilenze nei loro confronti.

"In una serie di storie vere, l'etologo spiega che i mammiferi e gli uccelli non sono solo condizionati dall'istinto, ma usano la mente per risolvere problemi e trovare soluzioni. Dal cane che "parla" con il padrone attraverso un linguaggio simbolico allo scimpanzé che impara l'uso del telefono, dal gatto che medita sulla soluzione di un problema all'airone che copia i pescatori. " Da IBS.it



mercoledì 2 giugno 2010

La giovinezza

La giovinezza non è un periodo della vita, essa è uno stato dello spirito, un effetto della volontà, una qualità dell'immaginazione, un'intensità emotiva, una vittoria del coraggio sulla timidezza, del gusto dell'avventura sulla vita comoda.
Non si diventa vecchi per aver vissuto un certo numero di anni;
si diventa vecchi perché si è abbandonato il nostro ideale.
Gli anni aggrinziscono la pelle, la rinuncia al nostro ideale aggrinzisce l'anima. 

Le preoccupazioni, le incertezze, i timori, i dispiaceri, sono nemici che lentamente ci fanno piegare verso la terra
e diventare polvere prima della morte.
Giovane è colui che si stupisce e si meraviglia, che si domanda come un ragazzo insaziabile " e dopo?",
che sfida gli avvenimenti e trova la gioia al gioco della vita. 

Voi siete così giovani come la vostra fede, così vecchi come la vostra incertezza.
Così giovani come la vostra fiducia in voi stessi, così vecchi come il vostro scoramento.
Voi resterete giovani fino a quando resterete ricettivi.
Ricettivi di tutto ciò che è bello, buono e grande.
Ricettivi al messaggio della natura, dell'uomo e dell'infinito. 

Se un giorno il vostro cuore dovesse essere mosso dal pessimismo
e corroso dal cinismo, possa Dio avere pietà della vostra anima di vecchi

Generale Douglas Mac Arthur ai cadetti di West Point, 1945

"Se" di Rudyard Kipling

Se (Lettera al figlio, 1910)
Con questa lettera, datata 1910, Rudyard Kipling cercò di insegnare al figlio a distinguere fra il bene e il male
 

Se riesci a conservare il controllo quando tutti Intorno a te lo perdono e te ne fanno una colpa;
Se riesci ad aver fiducia in te quando tutti ne dubitano, ma anche a tener conto del dubbio;
Se riesci ad aspettare e non stancarti di aspettare,
O se mentono a tuo riguardo, a non ricambiare in menzogne,
O se ti odiano, a non lasciarti prendere dall'odio,
E tuttavia a non sembrare troppo buono e a non parlare troppo saggio;
Se riesci a sognare e a non fare del sogno il tuo padrone;
Se riesci a pensare e a non fare del pensiero il tuo scopo;
Se riesci a far fronte al Trionfo e alla Rovina
E trattare allo stesso modo quei due impostori;
Se riesci a sopportare di udire la verità che hai detto
Distorta da furfanti per ingannare gli sciocchi
O a contemplare le cose cui hai dedicato la vita, infrante,
E piegarti a ricostruirle con strumenti logori;
Se riesci a fare un mucchio di tutte le tue vincite
E rischiarle in un colpo solo a testa e croce,
E perdere e ricominciare di nuovo dal principio
E non dire una parola sulla perdita;
Se riesci a costringere cuore, tendini e nervi
A servire al tuo scopo quando sono da tempo sfiniti,
E a tener duro quando in te non resta altro
Tranne la Volontà che dice loro: "Tieni duro!".
Se riesci a parlare con la folla e a conservare la tua virtù,
E a camminare con i Re senza perdere il contatto con la gente,
Se non riesce a ferirti il nemico né l'amico più caro,
Se tutti contano per te, ma nessuno troppo;
Se riesci a occupare il minuto inesorabile
Dando valore a ogni minuto che passa,
Tua è la Terra e tutto ciò che è in essa,
E, quel che è di più - sei un Uomo, figlio mio!

Rudyard Kipling

« In considerazione del potere dell'osservazione, dell'originalità dell'immaginazione, la forza delle idee ed il notevole talento per la narrazione che caratterizzano le creazioni di questo autore famoso nel mondo »

(Motivazione del Premio Nobel)

Nel frigorifero

Per mantenere la verdura e la frutta il più possibile fresca mettere nei ripiani del frigo carta assorbente, da cambiare ogni 8 giorni circa, dipende se si sporca o si rompe, nei ripiani dei vasetti di solito nella parte della porta mettere carta di alluminio per alimenti.
Questi accorgimenti servono anche per avere una pulizia più facile e meno deposito di microbi, oltre a mantenere il cibo più sano.

Torta veloce

Ingredienti:
2 tazze di farina 00
1 tazza dipatate
1 tazza di zucchero
1 tazza di latte
1 tazza di burro fuso
mezza bustina di vanillina
1 bustina di lievito
1 vasetto di yogurt
a piacere scaglie di cioccolato oppure pezzettini di mela
Preparazione:
Preriscaldare il forno a 180°C.

 Impastare tutti gli ingredienti nell'ordine, imburrare ed infarinare una teglia versare l'impasto ottenuto ed infornare per 40 minuti circa, controllare la cottura con uno stuzzicadente, se rimane asciutto la torta è cotta, altrimenti lasciare cuocere ancora per qualche minuto.
 Lasciare raffreddare, toglierla dallo stampo e servire.