domenica 31 marzo 2013

Pranzo di Pasqua 2013


Mangiata di Pasqua
Ristorante "A casa mia"
Pasta al sugo di polipo (moscardino)
Seppie al vino bianco e fondo di cipolle
Astice al vapore
Torta alla ricotta
Il tutto innaffiato da un buon prosecco di Valdobbiadene
Caffè
e ora..... in attesa di un buon liquore

Buona Pasqua




Resurrezione
E' risorto: il capo santo
più non posa nel sudario
è risorto: dall'un canto
dell' avello solitario
sta il coperchio rovesciato:
come un forte inebriato ,
il Signor si risvegliò

mercoledì 27 marzo 2013

Triglie fritte

Ingredienti per tre adulti:
500 g di triglie
fecola di patate (oppure a scelta: amido di mais, frumina, farina tipo "00")
2 uova
Pane grattugiato (oppure preparato per frittura)
Sale q.b.
Solo a piacere pepe nero un pizzico
Succo di un limone a piacere
2 litri di olio extravergine di oliva ( oppure olio specifico per frittura, olio di arachidi, olio di semi di girasole
Preparazione:
Lavare ed eviscerare le triglie (se si preferisce farlo fare al pescivendolo di fiducia), asciugarle con carta casa o con un canovaccio senza però strofinarle energicamente ma con delicatezza; passare le triglie nella fecola di patate, preparare in una ciotola le due uova sbattute con un pizzico di sale e a piacere un po' di pepe nero. Passare le triglie nelle uova. Scaldare l'olio in una pentola capiente dai bordi alti. Passare  poi le triglie nel pane grattugiato e immergerle nell'olio caldo. Lasciarle friggere per circa 5 minuti da quando vengono a galla. Attenzione  a non bruciarle e se nel caso l'olio diventasse troppo scuro è consigliabile la sostituzione dello stesso.

domenica 24 marzo 2013

Dormire o non dormire?


Fonte:BeFan Scienze
Dormire meno di 6 ore a notte fa male: scoperta l’alterata attività di 700 geni
La mancanza di sonno può alterare il nostro DNA. E' stato dimostrato che dormire meno di sei ore modifica l'attività dei geni. E' questo il risultato di una ricerca condotta da un gruppo di studiosi della University of Surrey.


28 FEBBRAIO, 2013 by STEFANIA AMATO
Un buon sonno contribuisce a preservare un stato di salute ottimale. Dormire troppo poco modifica negativamente l’attività di numerosi geni.
Da un approfondito studio condotto dall’equipe britannica dell’Università di Surrey è stato ampiamente dimostrato che dormire poche ore a notte, al di sotto delle sei ore, comporta l’alterazione dell’attività di centinaia di geni.
Attraverso un attento monitoraggio dell’attività dei geni presenti nel corpo umano, i ricercatori hanno constatato che dormire troppo poco influenza il lavoro di circa 700 geni, molti dei quali hanno il compito di controllare il sistema immunitario e le infiammazioni. Inoltre, lo studio ha dimostrato che dormire un tempo insufficiente comporta la riduzione del numero dei geni che solitamente operano nell’organismo.
Secondo gli studiosi della University of Surrey, il numero dei geni si riduce molto, è stato calcolato che in 24 ore le unità calano da 1.855 a 1.481. Se si considera un’arco di tempo maggiore, gli esperti hanno rilevato che, in una settimana di sonno scarso, il numero dei geni diminuisce notevolmente, fino a sette volte in più.
I risultati ottenuti dagli studiosi britannici sono molto soddisfacenti e non bisogna sottovalutare la loro importanza, specialmente in considerazione del fatto che la scarsità di sonno è strettamente legata a malattie dell’apparato cardiocircolatorio, al sovrappeso e a disturbi cognitivi.
Se fino ad ora non si conosceva il procedimento che portava alla diminuzione del numero dei geni, adesso grazie allo studio portato a termine dal team dei ricercatori dell’Università di Surrey, si hanno indicazioni fondamentali per capire quale sia il meccanismo genetico che mette in relazione il sonno con lo stato di salute. Il prof. Derk-Jan Dijk, responsabile del Centro di Ricerca sul Sonno nonché coordinatore del gruppo di studio dell’Università di Surrey, ha confermato l’importanza dei risultati raggiunti e ha sottolineato che il successo della ricerca si deve alla collaborazione e all’esperienza di bravi fisiologi, biologi ed esperti di bioinformatica.


sonno Dormire meno di 6 ore a notte fa male: scoperta lalterata attività di 700 geni

Dolce frettoloso

Ingredienti:
1 confezione di Pan di Spagna da 3 strati
500 g di ricotta fresca
3 cucchiai di gocce di cioccolato fondente
1 cucchiaio di zucchero
1 tazza da colazione di caffè
1 confezione di cacao amaro in polvere
1 confezione di panna fresca da montare
1 cucchiaino di zucchero
Preparazione:
Per chi ha fretta si può trovare il Pan di Spagna già confezionato oppure se si ha tempo a disposizione prepararlo fatto in casa.
Stendere un disco di Pan di Spagna su un piano, bagnare il disco con il caffè, non troppo perché si rischia che si rompa; poi in una ciotola capiente mettere la ricotta fresca, il cucchiaio di zucchero, 3 cucchiai di gocce di cioccolato( a piacere sostituire con frutta candita, o frutta secca, o caffè in polvere, o amaretti, o quello che preferite, a voi la fantasia) e mescolare bene ma non energicamente; stendere nel primo strato metà del composto ottenuto, sovrapporre il secondo disco di Pan di Spagna e bagnarlo con altro caffè; stendere la seconda metà del composto; terminare con l'ultimo strato di Pan di Spagna sempre imbevuto di caffè.
Montare la panna aggiungendo il cucchiaino di zucchero e spalmarla sopra a tutto il dolce; mettere nel freezer per 2 ore poi un'ora prima di mangiarlo metterlo nel frigo, quando si sta per servirlo cospargere il dolce di cacao amaro. Per evitare grumi di cacao passarlo con un colino.
In alternativa alla bagna a base di caffè, si può utilizzare anche il succo d'ananas o altri succhi a piacere.