martedì 28 dicembre 2010

Super Super macrofoto

Gli occhi da vicino sono così....foto spettacolari di Suren Manvelyan
Super macrofotografie trovate in rete!
L'autrice si chiama Suren Manvelyan, ed ha pubblicato sul sito Behance Network, una sorta di piattaforma professionale per i creativi, alcune immagini davvero interessanti. L'oggetto è l'occhio umano, ma le immagini si diversificano per i diversi colori dell'iride, per le sue sfumature ed i contorni, piccoli dettagli che madre natura ha concesso ad ognuno di noi.


relief-of-eyes12

lunedì 27 dicembre 2010

Il pettirosso del mio giardino

Questo uccellino , dal piumaggio colorato, appare un esserino mite ed indifeso, è invece  litigioso e prepotente. Il suo canto melodioso venne imitato da Chopin nel tema principale della “Grande polonaise ” e da ciò l'abitudine di chiamare il Pettirosso “Chopin dell'aria” mentre più giusto sarebbe stato forse chiamare il famoso musicista “Pettirosso di Varsavia”.  

pettirosso
Una gentile leggenda, fra le tante fiorite su questo grazioso pennuto, attribuisce il colore del suo petto a una goccia del sangue di Cristo, cui il Pettirosso avrebbe cercato di alleviare le sofferenze sforzandosi di strappare le spine della corona.

venerdì 24 dicembre 2010

BUON NATALE

Il suono gioioso delle campane ci annuncia la nascita di Nostro Signore Gesù e rivolti a Lui ci auguriamo per Voi tanto bene e felicità. Auguri!

presepe_pinturicchio

Tantissimi auguri per un sereno Natale e un anno sfavillante da iniziare insieme... ancora auguri!!

MastroLeonardo e Donna Erica

domenica 19 dicembre 2010

Il mio menù di Natale ultimo atto

Frutta:
Frutta secca
Frutta fresca di stagione, mandarini
Caffè
Liquori


Un Alka-seltzer per digerire e un buon riposino pomeridiano.....

Il mio menù di Natale atto quinto

Dessert:
Panettone di Marietta
300 g di farina per dolci setacciata
100 g di burro
80 g di zucchero
80 g di uva sultanina
1 uovo intero a temperatura ambiente
2 rossi d'uovo a temperatura ambiente
Sale un pizzico
un cucchiaino di lievito
20 g di frutta candita a pezzettini
2 dl di latte a temperatura ambiente
Scorza gratuggiata di un limone non trattato
Preparazione:
Fare sciogliere il burro a bagnomaria, lavorarlo con i rossi d'uovo e l'uovo intero; adagio aggiungere la farina, il latte, lo zucchero, tutti gli altri ingredienti tranne l'uva ed il lievito. Lavorare bene il composto per mezz'ora, non deve risultare troppo liquido né troppo sodo. Preparare l'uva sultanina lavandola con acqua tiepida, strizzarla leggermente, asciugarla con un canovaccio pulito di cotone e spolverizzarla di farina bianca, aggiungerlaall'impasto con il lievito. Versare in uno stampo alto e liscio, già preparato unto di burro alle pareti e spolverizzato di zucchero a velo misto a farina e cuocerlo nel forno a 180°C per 40 minuti circa, dipende dal forno.

Il mio menù di Natale atto quarto

Contorni:
Patate arrosto
Ingredienti per 4 invitati
700 g di patate
30 g di burro
1 spicchio di aglio
1 cucchiaio di olio
rosmarino e sale
Preparazione:
Lavare bene le patate e asciugarle con un canovaccio di cotone. Teoricamente la buccia dovrebbe togliersi a questo punto, se così non fosse toglietela voi direttamente con un coltello o pelapatate o quello che preferite. In un largo tegame fate scaldare il burro con l'olio e il rosmarino con lo spicchio d'aglio schiacciato. Aggiungere le patate e mescolate il tutto e coprite con un coperchio. Lasciare cuocere a fuoco basso finche le patate prenderanno un colore dorato, a questo punto togliere l'aglio, salare e servire ben calde.


Cicoria saltata in padella:
Lavare e tagliare la cicoria, saltatele in una pentola con aglio e olio extravergine, lasciare che evapori la loro acqua e saranno pronte, ovviamente salare e pepare a piacere.


Giardiniera:
Per chi vuole prepararla buon lavoro, per altri basta comperare un vasetto già pronto basta che sia di ottima qualità; meglio se agrodolce.

Atto terzo del menù

Tacchino arrosto
Preriscaldare il forno a 220°C; spennellare il tacchino di olio e mettere delle fette di pancetta sul petto, per proteggerlo da eventuali bruciature; si deve portare sempre rispetto per il cibo che si sta mangiando, soprattutto se è di origine animale. Il tacchino va cotto per i primi tre quarti d'ora sui fianchi, prima su uno poi girarlo sull'altro, il petto non deve essere a contatto con il recipiente, poi adagiarlo sul dorso. Controllare spesso durante la cottura che il tacchino sia sempre bagnato con il suo sugo, se vi accorgete che ne è privo spruzzate dell'acqua calda. Quando la pelle sarà dorata copritela con della carta alluminio. Il tempo di cottura va dai 40 minuti circa per ogni chilo di peso, 220°C la prima ora, 180°C nelle ore successive.

Il mio menù di Natale 2010 atto terzo

Secondi:
Gallina lessa
Ingredienti per 4 invitati
1 gallina di buona qualità vecchia
500 g di carne di spalla di manzo
2 carote
2 coste di sedano
2 cipolle
Preparazione:
Per velocizzare l'operazione, perchè per preparare il pranzo sarete molto impegnati, fate sviscerare la gallina dal macellaio, togliere la testa e le zampe, c'è chi ama anche le zampe fatele mettere da parte. Tagliate la bella gallina a pezzi grossi, mettetela in una grande pentola con il pezzo di spalla di manzo, le carote,le coste di sedano e le cipolle( se la gallina è grande tagliatela, altrimenti potete cuocerla intera). Ricordare sempre che per ogni chilo di carne ci va un litro di acqua fredda e già salata. Portare a ebolizione molto lentamente e fare bollire per quattro ore a fuoco basso. Quando il brodo sarà pronto lo si deve lasciare raffreddare e poi si procede alla filtratura. Una buona filtratura la si ottiene ponendo un cannovaccio di cotone bagnato in acqua su un colino, poi si mette il brodo per due ore nel frigo e in fine si toglie l'unto con un cucchiaio, perchè si è solidificato. Togliere la carne dal fuoco e lasciarla raffreddare a parte finchè farete il filtraggio del brodo. Brodo proto e gallina pure.

Il mio menù di Natale 2010 atto secondo

Primi:
Cappelletti in brodo
Prepare il brodo( vedi ricetta gallina lessa), portare ad ebolizione e aggiungere i cappelletti, freschi o secchi a seconda di chi se li prepara da soli o di chi se li compra. Scaldare una zuppiera in forno, basta una mezz'oretta in forno a 50/70°c; servire molto caldo.

Continuo degli antipasti

Cubetti di formaggio al miele


Molto semplicemente, tagliare del formaggio grana  a cubetti, preparare un piatto da portata, quindi disporli bene, e stendere sopra ai cubetti un filo di miele di acacia, mettere a disposizione dei comensali degli stuzziccadenti o delle forchettine a parte.

Il mio menù di Natale 2010 Atto primo

Antipasti:
Torta di verze
Ingredienti per 4 invitati
2 confezioni di pasta frolla surgelata( per chi ha tempo può prepararla in casa)
400 g verze
2 spicchi d'aglio
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
50 g di parmigiano grattugiato
sale e pepe
Preparazione:
Preriscaldare il forno a 180°C.Pulire le verze molto bene, tagliarle a listarelle, e fatele bollire fino a che la cottura sarà completata. Scolarle e tritarle con l'aglio finemente, e mettete il tutto a soffriggere nell'olio a fuoco basso, attenzione a non bruciare tutto. Quando le verze si saranno ben insaporite si passa alla mantecatura aggiungendo il parmigiano grattugiato. Stendere metà della pasta frolla in una teglia da forno ricoperta precedentemente con carta forno, se la frolla non basta attaccate l'altra confezione. Stendere le verze sopra la pasta frolla e ricoprirle con dell'altra pasta. Infornare per mezz'ora circa, controllare la cottura.

Il mio menù di Natale 2010

Scriverò alcuni post, con relativi elenchi di pietanze e le rispettive ricette. Ovviamente libertà assoluta di interpretazione delle ricette.
Numero di invitati al mio pranzo natalizio 7:
Antipasti:
Torta salata di verdure
Cubetti di formaggio con il miele
Primi:
Cappelletti in brodo
Secondi:
Gallina lessa
Tacchino arrosto
Contorni:
Patate arrosto
Giardiniera
Cicoria saltata in padella
Dessert:
Panettone di Marietta
Frutta:
Frutta secca
Frutta fresca di stagione
Caffè-Liquori

martedì 7 dicembre 2010

Super!

Una delle caratteristiche più particolari del gatto è il suo sensazionale senso dell'equilibrio, molto più sviluppato rispetto a quello dell'uomo, che gli consente di muoversi anche sui passaggi più impervi, con una sicurezza superiore a quella di un vero acrobata. Questa caratteristica peculiare è dovuta principalmente al fatto che la velocità di trasmissione degli stimoli nervosi al cervello è molto superiore a quella dell'uomo; il gatto inoltre usa la coda per controbilanciare il proprio peso, esattamente come fa un funambolo con l'asta. Con la stessa funzione di contrappeso viene usata in una corsa, se il gatto bruscamente cambia direzione.
l gatto domestico (Felis silvestris catus) è un mammifero carnivoro della famiglia dei felidi (genere Felis). Oggigiorno si contano una cinquantina di razze differenti riconosciute con delle certificazioni. Essenzialmente territoriale e crepuscolare, il gatto è un predatore di piccoli animali, specialmente roditori. Il gatto per comunicare utilizza vari vocalizzi (più di 16), le fusa, le posizioni del corpo e produce deiferomoni. Il gatto può essere addestrato ad obbedire a semplici comandi e può imparare da solo a manipolare semplici meccanismi come le maniglie delle porte. La denominazione gatto deriva dal latino catus ocattus, di origine incerta, la cui radice presenta analogie con il nubiano kadis ed il berbero kadiska[2]. Altre fonti ne fanno risalire l'origine alle lingue celto-germaniche (antico alto tedesco chazza, moderno alto tedesco katze, kater, cimbrico kâth, iro-gaelico cat, antico scandinavo kötr, anglosassone cat, svedese katt)

venerdì 3 dicembre 2010

Dicembre

A Dicembre la spesa è pazza. Cosa c'è in questo mese? Che tipo di ortaggi, carne o pesce?
Come pesce ci sono i pesci di acqua dolce:
Trote-Coregoni-Agoni-Carpioni-Bottatrici-Anguille-Lamprede-Tinche-Salmoni-Carpe-Capitoni-Lucci-Persici-Barbi.
Pesci di mare:
Rombi-Dentici-Boghe-Pescatrici-Sarde-Storioni-Murene-Cantarelli-Angeli-Ragni-Pagelli-Ombrine-Triglie-Sogliole-Cefali-Mormore-Ghiozzi-Gronghi-Razze-Naselli-Scorfani-Occhiate-Palombi-Branzini-Argentine-Orate-Saraghi-Sgombri.
Frutta:
Frutta secca-Frutta esotica-Melagrane-Pere-Limoni-Banane-Datteri-Arance-Mandarini-Cachi-Castagne-Mele-Mandaranci.
Verdura:
Indivia-Zucca-Cavolini di Bruxelles-Lattuga-Aglio-Scorzonera-Finocchi-Patate-Trevisana-Barbabietole-Erbette-Salvia-Topinambours-Carciofi-Patate americane-Tartufi-Coste-Porri-Cardi-Spinaci-Prezzemolo-Cipolle-Carote-Rape-Sedano rapa-Cicoria-Catalogna-Rosmarino-Cavolfiori-Sedano-Cicoria-Scarola-Cavoli rossi-Cavoli verza.
Carne:
Capponi-Piccioni-Asino-Oche-Vitello-Manzo-Agnello-Faraone-Galline-Cavallo-Anatre-Tacchini-Maiale-Pollastre.
Selvaggina:
Lepri-Beccacini-Fagiani-Quaglie-Galli di montagna-Beccacce-Pernici-Allodole-Anatre selvatiche.

lunedì 29 novembre 2010

Il tenente Drebin è morto!

E' morto il tenente Frank Drebin al secolo Leslie  Nielsen.
Leslie William Nielsen OC (Regina, 11 febbraio 1926 – Fort Lauderdale, 28 novembre 2010) è stato un attore, comico e doppiatore canadese naturalizzato statunitense.
Nato da genitori danesi e gallesi,[1] studiò alla Lorne Greene Academy of Radio Arts di Toronto prima di trasferirsi negli Stati Uniti. Nielsen è apparso in oltre 100 film e 1.500 programmi televisivi nell'arco della sua carriera, raffiguranti oltre 220 personaggi.
Le sue più conosciute interpretazioni recenti sono quelle del dott. Rumack nel film L'aereo più pazzo del mondo e del detective Frank Drebin nella serie di film Una pallottola spuntata.
Filmografia parziale:

domenica 28 novembre 2010

Fairy Oak

Autore: Elisabetta Gnone
Sopratitolo: La trilogia completa

Titolo:Fairy Oak
Trama tratta dal libro stesso: Magia, amori, avventure e battaglie irrompono nel villaggio di Fairy Oak, coinvolgendo il lettore in 1.000 pagine entusiasmanti.

La caduta dell'Acquila

Autore: Conn Iggulden
Titolo: La caduta dell'Aquila
Editore: Piemme
Trama raccolta dalla copertina del libro stesso: Cesare è il nome di un traditore della patria, per altri quello di un eroe. Un destino stranamente ambiguo per un uomo che non è abituato a esitare. Che ha attraversato il Rubicone e ha marciato verso Roma, suscitando l'ira di Pompeo e del senato. Ora i suoi avversari non sono più barbari da sottomettere nel nome della Repubblica, questa volta è contro la sua gente che dovrà combattere. In campi di battaglia che, ancor prima del suo arrivo, già risuonano della sua fama, tra la Grecia, l'Asia e l'Egitto, si ammanterà di nuove vittorie. Saranno anni intensi e dolorosi. Solo al termine di lunghe peregrinazioni potrà tornare a Roma in trionfo, e qui gettare le basi di quello che diverrà il più grande Impero di tutti i tempi. Ma quanto più im alto vola l'Acquila, tanto più rovinosa è la sua caduta, quando la storia ha deciso un epilogo che sembra non rendere giustizia.
Un bel salto nella storia di Roma e Cesare.

sabato 27 novembre 2010

Notte di stelle

Autore: Margherita Hack e Viviano Domenici
Titolo: Notte di stelle
Sottotitolo: Le costellazioni fra scienza e mito: le più belle storie scritte nel cielo
Editore: Sperling & Kupfer
Trama: Dal titolo si può intuire di cosa si sta parlando, come sempre i libri di Margherita Hack sono chiari, precisi e stimolano ad approfondire l'argomento. Guardare di più il cielo di notte.

Mangio troppa cioccolata

Autore: Carole Matthews
Titolo: Mangio troppa cioccolata
Editore: Newton comton editori
Genere: Romanzo
Breve introduzione: Amare il cioccolato è dir poco, questo romanzo mette questo cibo al primo posto, la storia è centrata su amiche pazze per il cioccolato, ma oltre a questo c'è ironia, temi reali di vita quotidiana, situazioni difficili e drammatiche; tutto in uno scenario che se davvero non esistesse il cioccolato bisognerebbe inventarlo. Molto buono.

Il centurione di Augusto


Autore: Guido Cervo
Titolo: Il centurione di Augusto
Editore: Piemme
Trama: il periodo storico è il 9 d.C., battaglie, storia di Roma, devastazione e morte, eroismo e viltà, un romanzo storico avvincente, rende l'idea della vita difficile di quel periodo.
Sotto la guida del legato Quintilio Varo, l'esercito romano sta per andare incontro a una delle sue sconfitte più devastanti. Nella foresta di Teutoburgo, in Germania, tre legioni marciano verso la morte. Un massacro annunciato. Le vicende del centurione Calidio, pronto a lottare fino all'estremo pur di mettere in salvo almeno l'aquila, l'insegna simbolo della sua legione, si intrecciano a quelle dei soldati, dei comandanti, degli uomini, donne e bambini al seguito delle colonne romane.

venerdì 26 novembre 2010

Tutto Sherlock Holmes


Autore: Arthur Conan Doyle
Titolo: Tutto Sherlock Holmes
Editore: I mammut
Trame: Investigatore privato, con straordinarie capacità, e devo aggiungere con un q.i. davvero superiore alla norma, vive avventure senza precedenti, scopre misteri, omicidi, intrighi garbugliati, con tecniche davvero insolite. In queste storie si passa dalla politica alla medicina, alla chimica, alla poesia, alla prosa, al giornalismo, alla vita dell'epoca di fine ottocento e inizi novecento in Inghilterra, alla paesaggistica, alla criminalità, insomma c'è tutto e anche di più.

L'elmo di Don Chisciotte


Autore: Stefano Bartezzaghi
Titolo: L'elmo di Don Chisciotte
Editore: Editori Laterza
Breve introduzione: Come risolvere problemi, con molti punti di vista. La soluzione non è unica, dipende dalla prospettiva individuale.
Creatività è sapere che la maggior parte dei problemi non ha una soluzione sola; sapere che la maggior parte delle soluzioni del problema ammette più di un modo per arrivarci; sapere che non c'è un modo univoco per scegliere il più opportuno fra i percorsi che promettono di portarci a una soluzione ... Un po' somaro, un po' mago, il creativo è Don Chisciotte, el Ingenioso Hidalgo che vede un bacile da barbiere e lo promuove a elmo.

Un aiuto in chimica


Autore: Alberto Cavaliere
Titolo: Chimica in versi
Editore: Hoepli
Breve descrizione: L'autore ha  scritto un poema che facilita la memorizzazione delle formule chimiche. L'ha scritto perché rischiava la bocciatura!
Potrebbe essere un quel qualcosa in più, un aiuto per finire l'anno scolastico in bellezza.

giovedì 25 novembre 2010

Mario Rigoni Stern

«Io la terra trentina l’ho amata fin dalle elementari, attraverso una canzone che ci faceva cantare ogni mattino la maestra. Era la canzone del cieco di guerra sull’Ortigara, che guardava Trento da lontano. Non poteva vederla, ma oltre le cime la indovinava, la sognava.» (dall’intervista a cura di Franco de Battaglia, www.Altoadige.it, 2003)

Bunet

Ricetta: BUNET
Ingredienti:
mezzo litro di latte
5 uova
5 cucchiai di zucchero semolato
2 cucchiai di cacao in polvere
100 gr. di amaretti
2 cucchiai di rhum
Preparazione:
Sbattere le uova intere con lo zucchero, unire poi il cacao, gli amaretti sbriciolati, il rum ed il latte caldo. Amalgamare delicatamente.
Procedere con la preparazione del caramello: in un pentolino scaldare tre cucchiai di zucchero e uno di acqua fino ad ottenere un caramello color nocciola. Mentre il caramello è ancora caldissimo, versarlo sul fondo e sui lati di uno stampo per budino, versarvi il composto di uova e cuocere in forno a 180 gradi, a bagnomaria , per un'ora circa.
Far raffreddare, sformare e servire.
Informazioni:
Ingredienti per: 8 persone
Tempo di cottura: 60 min
Tempo di preparazione: 15 min
Difficoltà: Ricetta Facile


mercoledì 24 novembre 2010

Contact

« Un messaggio dallo spazio profondo. Chi sarà il primo ad andare? Un viaggio al centro dell'universo. »
Contact è un film del 1997 diretto da Robert Zemeckis, basato sull'omonimo romanzo di Carl Sagan, che descrive un possibile primo contatto tra umani e alieni, e alcune delle implicazioni etiche e religiose che questo comporta.
Il film è uscito nelle sale negli USA l'11 luglio 1997, mentre nelle sale italiane il 26 novembre 1997.

martedì 23 novembre 2010

Mauro Corona, Aspro e dolce


L'epopea di Erto e dei suoi abitanti narrata in prima persona da Mauro Corona, protagonista e sciamano. Uomini di foreste e bevute, donne di coraggio e fatica, femmine sciccose per rompere la solitudine di una sera, tra una sbronza e una rissa. La fantasia e la rabbia, la gioia di vivere, la festa e la morte riportate alla memoria in un'ennesima levata di bicchieri, brindisi alla vita, l'aspro e il dolce assaporati insieme. Autobiografia di un uomo, romanzo fatto di avventure, di beffe e di omeriche bevute, il libro è anche la storia di un intero paese distrutto e rinato, a suo modo, dalla catastrofe. Immancabile sfondo è la natura, madre e matrigna di uomini, animali, piante e rocce.

Progetto Seti

SETI, acronimo di Search for Extra-Terrestrial Intelligence (Ricerca di Intelligenza Extraterrestre), è un programma dedicato alla ricerca della vita intelligente extraterrestre, abbastanza evoluta da poter inviare segnali radio nel cosmo. Il programma si occupa anche di inviare segnali della nostra presenza ad eventuali altre civiltà in grado di captarli (SETI attivo).
Il SETI Institute, proposto nel 1960 da Frank Drake (tuttora uno dei suoi direttori), è nato ufficialmente nel 1974. È un'organizzazione scientifica privata, senza scopi di lucro. La sede centrale è a Mountain View, in California.

sabato 20 novembre 2010

Finalmente Eclair 2.1 su Xperia 10

Sony Ericsson Italia ha annunciato che a  Novembre, per gli smartphoneXperia X10, X10 Mini e X10 Mini Pro  è disponibile l’aggiornamento da Android 1.6 ad Android 2.1 Eclair. Per le versioni brandizzate con Android 1.6 l’aggiornamento sarà disponibile a partire dal 22 Novembre. Tutti gli utenti saranno avvisati dell’aggiornamento tramite una notifica sul proprio smartphone Xperia dove verranno mostrati tutti i passaggi da effettuare.
Sony Ericsson ha comunicato ufficialmente sul suo blog che lo smartphone Xperia X10 presto riceverà un aggiornamento software che implementerà la possibilità di utilizzare il multitouch. L’aggiunta di tale supporto permetterà al dispositivo di poter effettuare il pinch to zoom (zoom allargando le due dita) nella galleria, nel browser e nelle applicazioni, rendendo compatibili anche giochi che prima non potevano esserlo per via di tale mancanza.
Ho già aggiornato il mio androide e tutto è andato a buon fine. Un bel salto di qualità nell'interfaccia. Voglio solo sottolineare che il telefono funzionava egregiamente anche prima; ora funziona meglio....speriamo

Viaggio allucinante

Ho rivisto un vecchio film. Viaggio allucinante (Fantastic Voyage) è un film del 1966 diretto da Richard Fleischer.
La sceneggiatura è basata su un racconto di Otto Klement e Jerome Bixby. La 20th Century Fox commissionò ad Isaac Asimov la scrittura di un romanzo omonimo a partire dalla sceneggiatura del film. Il libro uscì però sei mesi prima della pellicola e per questo viene ritenuto erroneamente che il film sia tratto dal racconto di Asimov.
Trama 
Gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica hanno sviluppato contemporaneamente una tecnologia che permette di ridurre le dimensioni di qualunque oggetto materiale miniaturizzando i singoli atomi, ma con la limitazione che tutto ritorna alle dimensioni originali dopo un massimo di 60 minuti.

Come lavare i capi in flanella


Per lavare questi capi basta portare a temperatura moderata, tiepida, dell'acqua con un po' di sapone liquido neutro ed aggiungere due cucchiai di ammoniaca, non di più, potrebbe succedere un macello, attenzione ai colori, se si nota uno scolorimento eccessivo togliere immediatamente dall'acqua, provare su una piccola parte nascosta. Passare al risciaquo con acqua e succo di un limone, poi risciacquare ancora con acqua fredda.

giovedì 18 novembre 2010



Il Leone alato, rappresentazione simbolica dell’evangelista Marco, è il simbolo della città di Venezia e della sua antica Repubblica. Al giorno d’oggi lo si ritrova nei simboli del Comune e della Provincia di Venezia, nonché della Regione Veneto. Lo si può trovare anche nella bandiera navale della Repubblica Italiana e come simbolo del premio della Mostra Internazionale di Arte Cinematografica: il Leone d’Oro.
Il leone alato è solitamente accompagnato da un’aureola, una spada e un libro sotto la zampa anteriore destra sulla quale è presente il motto: “Pax tibi Marce, evangelista meus” (Pace a te, Marco, mio evangelista). La frase completa comprenderebbe anche

mercoledì 17 novembre 2010

Sailor Moon


Autore: Naoko Takeuchi

Titolo: Sailor Moon

Sopratitolo: Pretty Guardian

Editore: Manga

Trama: Una serie di paladine della giustizia dotate di poteri magici, con a capo Bunny nel cartone animato in italiano, Usagi nel manga giapponese; in questa opera i personaggi subiscono trasformazioni evolute e con poteri sempre più potenti. I temi trattati sono: avventura, amore, amicizia, speranza, futuro, sogni, ed il bene che prevale sul male.

GTO Great Teacher Onizuka

Autore: Toru Fujisawa


Titolo: GTO


Sottotitolo: Great Teacher Onizuka


Pubblicazione:Dynit


Trama: Insegnante improbabile da trovare, ex teppista, cerca un lavoro e trova un posto come insegnante, l'incarico lo porta ad insegnare in una classe disagiata con ragazzi e ragazze intrattabili bulli e bulle, e chi più ne ha più ne metta, ma Onizuka mette tutti in riga con metodi poco didattici e molto criminali...
Divertente, vedute particolari, dinamicità.

Eroica: La gloria di Napoleone

Autrice: Riyoko Ikeda

Titolo: Eroica

Sottotitolo: La gloria di Napoleone

Trama:

Dal titolo si capisce che parla della vita e delle battaglie di Napoleone, oltre a spiegare la storia di questo personaggio c'è anche di mezzo la storia di Francia, poi ci sono coinvolti alcuni personaggi del manga di Lady Oscar, tipo Alain e Bernard e Rosalie.

L'autrice è sempre precisa nei dettagli dei disegni e degli eventi della storia, modificando l'indispensabile perchè la trama funzioni, Le tavole sono ben descritte e ogni particolare descritto.

Karigurashi no Arrietty

Nuovo capolavoro del grande mitico straordinario Haiao Myazaki con lo Studio Ghibli.

Questo film presentato al festival del film a Roma è straordinario. Dalle poche informazioni che ho trovato la trama parlerebbe di una raggazzina appunto Arrietty, con una caratteristica che lei e la sua famiglia sono piccini come bamboline della casa delle bambole. Vivono in una casa abitata da esseri umani a grandezza "naturale" se così si può dire. Avventura, sentimenti, suspance,amore per la natura al primo posto insomma come sa fare Myazaki ha dato vita all'immaginazione.

Il segreto della cappella

Secondo episodio della serie di investigazioni del grande Owen


Trama tratta dalla copertina del libro stesso:


Anno del Signore 1363. Nella città di York un macabro delitto insaguina il giorno del Corpus Christi: maestro Crounce, marcante di lana, viene ucciso nei pressi della cattedrale, la mano destra mozzata. A far luce sul caso è chiamato Owen Archer, costretto a separarsi dalla giovane moglie per rispondere all'appello dell'arcivescovo. Tutti gli indizi sembrano condurre al socio in affari della vittima. Ma ben presto Owen scopre che dietro quell'assassinio si nasconde una fitta rete di intrighi e tradimenti che, partendo dalla potente corporazione dei merciai, coinvolge le più alte sfere del regno e gli intressi della stessa Corona...

La rosa del farmacista


Questo libro è l'inizio di una serie di casi investigativi di spionaggio, sotterfugi e intrighi dell'epoca del 1363. Il protagonista è un ex comandante degli arcieri della casata più nobile di quel periodo, che per ragioni di forza maggiore cambia lavoro e diventa investigatore.


Trama tratta dalla copertina del libro stesso:


Anno del Signore 1363. Due misteriose morti sconvolgono la placida città di York, sepolta sotto un manto di neve: un pellegrino senza nome e un soldato di nobile origini, al servizio dell'Arcivescovo di York. Una pozione preparata dal Farmacista Nicholas Wilton sembra essere l'unico elemento che accomuna le due vittime. A indagare su questi oscuri delitti viene chiamato il brillante e tenace Owen Acher, rampollo di una nobile famiglia decaduta, che, sotto le mentite spoglie di apprendista, entra nella bottega di mastro Wilton, dove verrà istruito dalla giovane moglie del farmacista, Lucie. Mentre omicidi si aggiungono a omicidi, davanti a Owen, distratto dall'innaspettato amore per la bella Lucie, si dipena un groviglio di inquietanti segreti e crudeli vendette.




Grazie Michela!

domenica 14 novembre 2010

UFO (serie televisiva)
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


UFO è una serie televisiva britannica di fantascienza, ideata nel 1969 da Gerry Anderson e prodotta nel biennio 1969-70 dallo stesso Anderson e da sua moglie Sylvia per essere trasmessa dalla TV britannica Independent Television (ITV).

Si trattò della prima serie televisiva realizzata con attori veri da Gerry Anderson, che era stato fino ad allora autore e produttore di alcune serie TV di successo realizzate con marionette, la più famosa delle quali era Thunderbirds. Inizialmente indirizzata al mercato anglosassone, composta di 26 episodi della durata di 50 minuti ciascuno, UFO fu trasmesso in Gran Bretagna dal 1970 e subito dopo negli USA.
Trilogia originale della Fondazione
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Trilogia della Fondazione è composta dai tre romanzi originali, Fondazione, Fondazione e Impero, Seconda Fondazione, per i quali Asimov vinse il Premio Hugo come miglior ciclofantascientifico nel 1966.
Già raccolti in volume nel 1983 da Mondadori, i tre romanzi sono noti anche con i titoli Cronache della Galassia (prima edizione italiana: 1963 sulla collana Urania, n.317 bis), Il crollo della Galassia centrale (prima ed.it.: 1964 sulla collana Urania, n.329 bis), L'altra faccia della spirale (prima ed.it.: 1964 sulla collana Urania, n.338), sono stati recentemente riproposti, sempre da Mondadori, nel febbraio 2004, con una introduzione di Fruttero & Lucentini.
In breve, se ne presentano le trame:
FILOSOFIA DI VITA 
Brano preso dalla rete

Un professore di filosofia, in piedi davanti alla sua classe, 
prese un grosso vasetto di marmellata vuoto e comincio a riempirlo con
dei sassi, di circa 3 cm. di diametro.
Una volta fatto chiese agli studenti se il contenitore fosse pieno
ed essi risposero di si.
Allora il Professore tirò fuori una scatola piena di piselli,
li versò dentro il vasetto e lo scosse delicatamente.
Ovviamente i piselli si infilarono nei vuoti lasciati tra i vari sassi.
Ancora una volta il Professore chiese agli studenti se il vasetto fosse pieno ed essi, ancora una volta, dissero di si.
Allora il Professore tirò fuori una scatola piena di sabbia e la verso dentro il vasetto.
Ovviamente la sabbia riempi ogni altro spazio vuoto lasciato e coprì tutto.
Ancora una volta il Professore chiese agli studenti se il vasetto fosse
pieno e questa volta essi risposero di si, senza dubbio alcuno.
Ora, disse il Professore, voglio che voi capiate che questo
vasetto rappresenta la vostra vita.
I sassi sono le cose importanti - la vostra famiglia, i vostri
amici,la vostra salute, i vostri figli - le cose per le quali se tutto

sabato 13 novembre 2010

Aiuto!!!!



Colpi d'arma da fuoco sparati su di un cartello stradale segnaletico.

In quale località italiana sarà collocato questo segnale? In qualche zona di guerra?

Niente affatto! Siamo a 10 minuti da Venezia, parco San Giuliano, una mattina dell'estate 2010.
Che ci si sia da preoccuparsi?


venerdì 12 novembre 2010

Dolcetti al cacao

Ingredienti:
glassa di cioccolato
225 gr di farina per dolci
la punta di un cucchiaino di bicarbonato di sodio
125 gr di burro a temperatura ambiente
100 gr di zucchero di canna trattato(chiaro)
1 uovo
60 gr di cioccolato extra fondente con minimo di cacao 72%
un pizzico di sale
Preparazione
Per avere dei buoni risultati, preparate i dolci, le torte o biscotti ed altro, quando avete tempo, quando non è troppo umido, e quando non siete particolarmente stressati. Preparare la farina con il bicarbonato ed un pizzico di sale setacciati in una ciotola; in un altro contenitore capiente lavorare il burro con lo zucchero fino ad ottenere una bella crema, a questo punto si aggiunge l'uovo. Lasciate momentaneamente a parte gli altri ingredienti e preparate il cioccolato facendolo fondere a bagnomaria e aggiungetelo al composto di burro, zucchero e uovo; mettete anche la farina, bicarbonato e sale precedentemente setacciati, e lavorate il tutto fino a formare una pasta dura, stendetela in un piano e datele la forma di disco, poi avvolgetela in una pellicola per alimenti e fatela riposare in frigorifero per una mezz'oretta circa. Finchè si aspetta si accende il forno e lo si porta a temperatura di 180°C, stendere carta forno in due teglie. Passato il tempo neccessario infarinare un piano di lavoro, stendere bene la pasta con uno spessore di circa 5 cm e con uno stampino o forme di biscotti di circa 8 cm, tagliare i biscotti. Mettere i biscotti sulle teglie a distanza uno dall'altro di 2,5 cm circa ed infornarli per 10-15 minuti a seconda del proprio forno. Una volta cotti raffreddarli in una griglia, prendere un biscotto stendere la glassa e chiudere con un altro biscotto sopra, continuare fino ad esaurimento biscotti; a piacere spolverizzare zucchero a velo. Sembrano piccoli sandwich.

giovedì 11 novembre 2010

Vita da cani....

Poltrona nuova in studio... luce soffusa... la stufa che emana un bel calduccio...


Bravo, avranno certamente pensato Lilli ed Artù, che bel pensiero ha avuto quello strano tipo che ogni tanto cerca di parlarci con un linguaggio incomprensibile. Ci ha preparato una bella cuccia sopraelevata provvista di sponde anti caduta  e di morbide copertine. Proprio una bella sorpresa.
Ma io sono ben contento di cedere, temporaneamente, ben s'intende, la mia comoda poltrona elucubratoria; se lo meritano.
Lilli ha più e più volte dimostrato una sensibilità ed un attaccamento alla famiglia che a volte mi dimentico che è un cane e ci parlo come ad una amica umana. Artù è spavaldo e fiero, degno di portare questo nome. E' un piccolo toro scatenato, ha un motore al protossido d'azoto. Non lo ferma nessuno e da quando è arrivato non possediamo più nulla; appena vede qualche cosa che lo stuzzica se ne appropria e allora non ci sono modi di farlo desistere dal proposito.
 Lilli ha quasi 10 anni mentre Artù ha meno di un anno.


lunedì 8 novembre 2010

La fuga di Logan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La fuga di Logan è un film di fantascienza tratto dal romanzo omonimo di William F. Nolan e George Clayton Johnson. È considerato un film di culto, con la sua miscela di sociologia, fantascienza ed allegoria ad ampio raggio che ha ispirato una serie televisiva negli anni 1977-1978 (v. La fuga di Logan (serie televisiva)), nonché varianti tematiche ed un intero filone per altri media.

Chi si ricorda il programma "Avventura"?

Un programma meraviglioso di viaggi, posti ad avventure.
Nessuno può aver dimenticato, ad esempio, che Bruno Modugno negli anni Sessanta era il conduttore di una trasmissione fascinosa, 'AVVENTURA'
Nella "documentaristica" un ruolo importante lo ebbe questo programma. Curato e condotto da Bruno Modugno (nella foto, sulla sinistra), andò in onda dal 1965 al 1975. Tutti servizi autoprodotti da pochi giornalisti ed operatori, in giro per il mondo, alla ricerca di esplorazioni, avventure estreme e fenomeni naturali. Nessun documentario o servizio comprato da altri produttori.
La sigla d'apertura era 'She came in through the bathroom window', scritta da John Lennon e Paul McCartney nel 1970 e cantata da Joe Cocker. E' davvero un brano da pelle d'oca per la sua bellezza e per la voce straordinaria.
La sigla di chiusura è 'A salty dog', altro brano da lacrime agli occhi con la raffinata musica di Gary Brooker ed il poetico testo di Keith Reid, ambedue portabandiera dei Procol Harum, fa parte dell'omonimo album pubblicato nel 1969.
E' bene ricordare altri due successi di questo complesso: "A whiter shade of pale" noto in Italia come "Senza luce" eseguito dai Dik Dik (1967) e "Homburg", in italiano "L'ora dell'amore" dei Camaleonti (1967).

lana infeltrita e ristretta

Capita a volte che dalla fretta o semplicemente inavvertitamente, si lavi un capo in lana e questi si restringa oppure si infeltrisca. Un suggerimento che ho sperimentato di persona e funziona come rimedio, è quello di far bollire in un pentolone capiente dell'acqua, mi raccomando a fuoco basso, altrimenti brucia tutto, con l'aggiunta di balsamo per i capelli; dopo circa mezz'oretta che bolle il capo, farlo raffreddare in acqua per almeno due ore, risciacquarlo in acqua tiepida, no fredda.

Glassami e di gusto saziami..

Ingredienti:
100 gr di zucchero
50 gr di cioccolata fondente, minimo 72%
la punta di un cucchiaino da caffè di bicarbonato di sodio
Preparazione:
Mettere a bagnomaria il cioccolato tritato grossolanamente con 3 cucchiai di acqua, quando sarà sciolto aggiungere lo zucchero, abbassare il fuoco e far sobollire, mescolando sempre, per pochi minuti. La cottura è pronta quando mettendo una goccia di cioccolato tra le dita, ad esempio indice e pollice, aprirle e vedere se fanno il filo. Per ultimo unire il bicarbonato e togliere dal fuoco il pentolino, facendo molta attenzione far scorrere l'acqua fredda e immergere la parte esterna in acqua. Quando la glassa sarà raffredddata ed un po' opaca stenderla sulla torta, sui biscotti, sui dolci, dove vi pare. Il bicarbonato serve per far si che la glassa non si crepi, ma la rende nello stesso tempo liscia, morbida, e la mantiene scura.